Migliore Pietra Refrattaria Per Pizza e Forno: Scelta e Prezzi

In questa guida andiamo a vedere qual è la migliore pietra refrattaria per pizza da utilizzare nel proprio forno elettrico oppure a legna.

La pietra refrattaria è la soluzione ideale per poter cuocere gustosissime pizze direttamente dal proprio forno di casa. Sia chiaro, i risultati non saranno identici a quelli che si possono ottenere utilizzando un forno a legna professionale ma, nonostante questo, l’elevata capacità di una piastra refrattaria di trattenere il calore permette comunque di cucinare delle fantastiche e croccanti pizze.

Che cos’è una pietra refrattaria per pizza?

La pietra refrattaria è una lastra realizzata in diversi tipi di materiali refrattari che hanno la capacità di resistere e trattenere una temperatura elevata, simulando così la cottura che avviene all’interno di un forno a legna professionale. I materiali più comuni che compongono una pietra refrattaria sono l’argilla o la pietra cordierite (una roccia polimorfica composta da magnesio, ferro e alluminio). Anche se raro, è comunque possibile trovare pietre refrattarie realizzate con altri materiali come la terracotta, la ceramica oppure la malta. La sua elevata resistenza alle temperature ne permette l’utilizzo non solo nei forni elettrici domestici, ma anche nei forni a legna professionali. Si tratta di un accessorio acquistabile singolarmente oppure, in alternativa, esistono dei fornetti elettrici dotati di pietra refrattaria già inclusa nel piano cottura o fornita come optional.

A differenza della classica teglia per pizza, la pietra refrattaria dissipa il calore in maniera lenta e graduale, caratteristica che la rende ideale per cuocere in maniera uniforme e omogenea l’impasto della pizza. Inoltre, l’elevata porosità della pietra assorbe l’umidità presente nell’impasto, migliorando ulteriormente il risultato finale. I vantaggi non finiscono qui! un’altra capacità degna di nota riguarda l’ottimo mantenimento della temperatura di cottura, questa non varia nemmeno quando si apre lo sportello del forno. Potrai quindi aprire il forno per controllare lo stato di cottura senza temere improvvisi sbalzi di temperatura che possono rovinare l’impasto.

Perché usare una pietra refrattaria per pizza?

I classici fornetti elettrici domestici non riescono a raggiungere temperature paragonabili a quelle dei forni alimentati a legna, i quali riescono a cuocere una pizza in circa 3/4 minuti e a una temperatura che si aggira sui 400/500 gradi. La pietra refrattaria, grazie alla sua elevata capacità di assorbire calore, permette di far raggiungere una temperatura di 400 gradi anche a un normale forno elettrico che di norma non supera i 250/300 gradi. In questo modo compenserai la mancanza di un forno a legna e potrai cuocere delle buonissime pizze senza correre il rischio di bruciare l’impasto. Anzi, la pizza avrà una doratura e una croccantezza quasi invidiabile anche dai forni a legna professionali. Riassumendo, il suo utilizzo permette di trasformare il tuo fornetto in un forno elettrico per pizza domestico.

Migliori pietre refrattarie per pizza e forno [Recensioni]

1. Amazy Pietra per pizza con Pala in Bambù e Ricettario 1,5 cm

Ho deciso di iniziare la lista con questa pietra refrattaria dotata di un rapporto qualità/prezzo veramente interessante. Lo so, non si tratta del modello più economico che puoi trovare in commercio, ma questo è dettato dal fatto che difficilmente troverai pietre in grado di assicurare risultati e performance all’altezza di questo modello.

AMAZY Pietra refrattaria per Pizza da Forno, incl. Pala...
  • CROCCANTE E SFIZIOSO - ALLA ITALIANA: la pietra per pizza rettangolare garantisce una...
  • ALTA RESISTENZA AL CALORE NEL FORNO E SULLA GRIGLIA: la pietra da forno in cordierite...
  • COMPRENDE PALETTA PER PIZZA; CARTA DA COTTURA DUREVOLE E ISTRUZIONI PER LA RICETTA: la...
  • Materiale: cordierite
  • Superficie: 38 x 30 cm
  • Spessore: 1,5 cm
  • Extra: pala in bambù, ricettario

La Amazy con Pala in Bambù è la soluzione ideale per cuocere sia pizze che pane e altri lievitati. La struttura rettangolare realizzata in cordierite risulta molto resistente e in grado di reggere una temperatura superiore ai 1.000 gradi. Inoltre, la bordatura smussata risulta molto comoda da impugnare e maneggiare. Le piastra ha uno spessore pari a 1,5 cm, la superficie di cottura è molto spaziosa e nel dettaglio misura 38 x 30 cm.

La porosità della pietra tende a trattenere le macchie, per questo ti consiglio di utilizzare sempre la carta da forno. Ricordati anche di prestare attenzione ai forti sbalzi di temperatura, questi potrebbero danneggiarla. Personalmente ritengo che lo spessore di 1.5 centimetri offra un perfetto compromesso tra velocità di riscaldamento e accumulo di calore, sarai quindi in grado di cuocere pizze croccanti e gustose direttamente dal tuo forno elettrico o a legna.

2. Blumtal Pietra per pizza con Pala in Alluminio 1,5 cm

Questa pietra refrattaria per pizza ha praticamente le medesime caratteristiche del modello visto in precedenza. Stiamo sempre parlando di una piastra ideale per essere utilizzata sia in forni elettrici che a legna.

In Offerta
Blumtal Pietra Refrattaria per Pizza da Forno + Pala...
  • SET PROFESSIONALE IN CORDIERITE: Pietra refrattaria per pizza da forno di Dimensioni di 38...
  • PROPRIO COME IN PIZZERIA: Con questo set di pietra refrattaria e pala per pizza potrai...
  • COMPRENDE UNA PALA PER PIZZA CON MANICO XXL: La paletta pizza rende molto facile inserire...
  • Materiale: cordierite
  • Superficie: 38 x 30 cm
  • Spessore: 1,5 cm
  • Extra: pala in alluminio

Anche in questo caso la pietra è realizzata in cordierite, materiali in grado di assorbire e rilasciare il calore in maniera uniforme su tutta la superficie, garantendo una cottura omogenea della pizza. La piastra misura 38 x 30 cm, lo spessore di 1,5 cm permette di raggiungere velocemente la corretta temperatura e di trattenere un calore sufficiente per cuocere una pizza gustosa e croccante.

In dotazione viene fornita una bellissima pala con piatto in alluminio da con manico in legno da 30,5 x 30,5 e un manico da applicare a piacimento. La sua lunghezza totale (manico più piatto) raggiunge gli 85 cm, una misura perfetta per un utilizzo domestico.

3. Dolce Mare® Pietra per pizza in Cordierite Vetrificata Nera 1,5 cm

La porosità della cordierite tende a trattenere e assorbire le macchie di umidità e unto derivanti dall’impasto e dai condimenti, segni che sono impossibili da rimuovere anche con lavaggi molto accurati. Per ovviare al problema c’è una soluzione molto intelligente; utilizzare una pietra come questa della Dolce mare, cioè dotata di uno strato superficiale vetrificato!

Dolce Mare® Piastra refrattaria Forno - Pietra per...
  • FINALMENTE PRIGE PIZZABODEN: la pietra per pizza Dolce Mare assorbe il liquido in eccesso...
  • TEMPERATURE A 900°C: trasforma il tuo forno in un forno italiano in pietra: la pietra di...
  • Pulizia facile e veloce: grazie alla superficie smaltata nera, la pietra per pizza rimane...

Materiale: cordierite vetrificata
Superficie: 38 x 30 cm
Spessore: 1,5 cm
Extra: pala in legno

Ceramica vetrificata dove si cuoce una pizza?! ma è uno scherzo? Non ti preoccupare! la ceramica verniciata non rilascia nessun tipo di particella tossica ed è perfetta per un utilizzo alimentare. Inoltre, questo strato non incide minimamente sulle performance della pietra. Come per tutti gli altri modelli, anche in questo caso la pietra si scalda velocemente e rilascia il calore in maniera graduale. Questa caratteristica consente sia di aumentare la temperatura interna del forno che di cuocere l’impasto in maniera omogenea.

Questa pietra riesce a reggere una temperatura massima di 900 gradi, misura 38 x 30 cm e ha uno spessore di 1,5 cm. La fornitura comprende anche una comodissima paletta in legno per aiutare a infornare e sfornare le pizze. Lo strato vetrificato superficiale evita la creazione di macchie e residui impossibili da togliere, aiutandoti quindi a mantenere la pietra sempre bella pulita. Il bellissimo colore e l’elevata attenzione alle rifinitura, rendono la Dolce Mare unica nel suo genere con uno stile e una bellezza estetica notevole.

4. BURNHARD Pietra Rettangolare per pizza da 45 x 35 x 1,5 cm

Le pietre viste fino ad ora sono troppo piccole per soddisfare le tue esigenze? bene, la BURNHARD ha una grandezza superiore alla media ed è ideale sia per forni elettrici che a legna. Questa pietra misura 45 x 35 centimetri, è quindi ideale sia per cuocere pizze molto grandi oppure più pizzette contemporaneamente.

In Offerta
BURNHARD Pietra refrattaria per Pizza 45 x 35 x 1,5 cm...
  • COTTA IN POCHI MINUTI – Grazie all’alta temperatura, già dopo 10 minuti otterrai una...
  • DIMESIONI PRATICHE – La pietra refrattaria di BURNHARD è disponibile in due varianti:...
  • RISULTATO CROCCANTE – La pietra refrattaria per pizza in cordierite mantiene a lungo le...

Materiale: cordierite
Superficie: 45 x 35 cm
Spessore: 1,5 cm
Extra: N.P.

Ovviamente, con questa pietra in cordierite, oltre alla pizza potrai cucinare altri impasti come il pane, dolci e torte. Le sue dimensioni offrono una superficie di cottura veramente ampia, lo spessore di 1,5 cm permette il raggiungimento della temperatura in circa 45 minuti.

Questa pietra è acquistabile in diverse versioni, alcune di queste comprendono anche una pala per pizza in alluminio, altre hanno invece delle dimensioni più ridotte (38 x 30 cm). Riassumendo, nonostante le sue dimensioni sopra la media, le prestazioni sono più che ottime e al pari dei modelli visti in precedenza.

5. Whirlpool PTF100 Pietra Forno e Pizza Forata 35 x 35 cm

Hi deciso di chiudere la classifica con la Whirlpool PTF100, una pietra di fascia alta e pensata per garantire un’ottima ventilazione e ricircolo d’aria, questo grazie alla sua struttura forata a nido d’ape. La piastra ha delle dimensioni abbastanza elevate, nel dettaglio misura 35 x 35 centimetri ed è realizzata in argilla cotta a 1320 gradi.

Whirlpool PTF100 Pietra Forno refrattaria con Pala in...
  • Pietra forno per pane e pizza adatta ai forni tradizionali di tutte le marche
  • Include pala in legno
  • La pietra refrattaria è realizzata con materiali che raggiungono altissime temperature,...

Materiale: argilla
Superficie: 35 x 35 cm
Spessore: 1,5 cm
Extra: pala in legno

Il punto forte della Whirlpool PTF100 risiede nella sua elevata porosità, caratteristica che la rende molto simile ai mattoni presenti nei forni a legna professionali. Il raggiungimento della temperatura avviene in maniera molto rapida, la struttura forata e l’ottimo ricircolo di aria agevola il trasferimento di calore su tutta la superficie. Questa caratteristica incide anche sul peso, i canali longitudinali rendono la pietra decisamente più leggera e facile da maneggiare.

Questa pietra permette di sfornare delle pizze con un livello di cottura perfetto; una base ben cotta e un bordo croccante. Gioca un ruolo fondamentale la distribuzione del calore che simula quella presente nei mattoni dei forni a legna. Oltre alla pizza potrai cucinare altri lievitati, come il pane e dolci. L’unico aspetto negativo? come tutte le superfici porose, anche in questo caso le macchie saranno praticamente impossibili da rimuovere anche con lavaggi molto intensi. Ovviamente questa caratteristica incide solo dal punto di vista estetico e non igienico.

Come scegliere la pietra refrattaria per pizza e forno?

1. Materiali della pietra

Come visto a inizio guida, la maggior parte delle lastre refrattarie per pizza sono realizzate in cordierite, una particolare pietra con proprietà refrattarie in grado di incamerare, mantenere e rilasciare gradualmente in calore. La sua resistenza a punte di calore elevate la rende ideale per essere utilizzata sia all’interno di forni elettrici che a legna che raggiungono anche i 500 gradi. Nonostante questo, in commercio ci si può imbattere anche in pietre refrattarie in argilla o in terracotta, materiali altrettanto validi ma molto più delicati. Riassumendo, i materiali più utilizzati sono:

  • Cordierite: essendo una roccia polimorfica, è composta da magnesio, ferro e alluminio. L’ottima resistenza e distribuzione del calore la rendono la tipologia più utilizzata a apprezzata sia nei forni elettrici che a legna.
  • Argilla: è un altro materiale molto utilizzato per la realizzazione di pietre refrattarie per pizza. La sua porosità tende ad assorbire e asciugare l’impasto rendendo la pizza ancora più croccante. La composizione porosa la rende difficile da pulire e abbastanza fragile.
  • Acciaio: è un’ottima alternativa rispetto ai materiali appena visti. La sua elevata conduttività di calore rende l’acciaio una lega perfetta per cuocere le pizze. Purtroppo stiamo parlando di un materiale molto pesante e costoso, per questo difficilmente viene preferito rispetto alle ai materiali visti in precedenza.

2. Spessore della piastra

Lo spessore gioca un ruolo fondamentale nella cottura di una pizza. Una pietra refrattaria troppo sottile risulterebbe estremamente fragile e non sarebbe in grado di accumulare un calore sufficiente per adempiere al suo dovere. Le caratteristiche tecniche parlano chiaro; le pietre per pizza economiche hanno uno spessore che difficilmente supera 1 centimetro, ma personalmente consiglio di non scendere mai al di sotto di 1,5 o 2 centimetri. Ovviamente si possono trovare pietre per pizza di livello professionale e dotate di spessori importanti, in alcuni casi possono addirittura superare i 5 centimetri.

Personalmente ritengo che uno spessore inferiore a 1 centimetro non sia sufficiente per poter cuocere in maniera adeguata cibi come la pizza, pane o altri lievitati. Sotto tale spessore, la pietra non è in grado di immagazzinare e dissipare un calore sufficiente da garantire il corretto processo di cottura. Al contrario, le pietre per pizza professionali e quindi molto spesse, riescono a immagazzinare e a rilasciare gradualmente moltissimo calore, così facendo l’impasto verrà cotto in maniera più efficiente. Ovviamente, più la pietra è spessa e maggiore sarà il tempo necessario per farle raggiungere la giusta temperatura.

Nonostante non esista una spessore ideale per tutte le situazioni, secondo il mio punto di vista per un utilizzo domestico puoi benissimo optare per una pietra da 1,5 centimetri; uno spessore che si colloca nella via di mezzo e che si riscalda in circa 30 minuti, un tempo tutto sommato più che accettabile.

3. Forma e struttura

Se hai già avito modo di fare una breve ricerca sia online che nei tuoi negozi di fiducia, avrai sicuramente notato che in commercio esistono tantissime pietre per pizza con forme e dimensioni differenti. L’identikit della pietra ideale è spesso molto semplice; in quasi la totalità dei casi basta un modello dalla forma classica (quindi tonda o rettangolare) e uno spessore di circa 2,5 cm.

Una pietra refrattaria con queste caratteristiche fornisce una superficie di cottura spaziosa, versatile ma soprattutto perfetta per le pizze. Volendo è possibile utilizzarla anche sul barbecue e per cuocere altri impasti come il pane o le torte. Ovviamente le esatte dimensioni dipendono dallo spazio disponibile all’interno del forno, ricordati quindi di misurare la camera di cottura e di comportarti di conseguenza!

Dal punto di vista della struttura, una pietra refrattaria per pizza può essere forata oppure compatta. La pietra forata, cioè a nido d’ape, si riscalda molto più velocemente e garantisce una migliore distribuzione del calore, questo perché l’aria circola al suo interno tramite degli appositi canali longitudinali. La pietra compatta non permette all’aria di girare al suo interno e quindi impiega più tempo per riscaldarsi. Per quanto riguarda le prestazioni, queste sono inferiori rispetto alla controparte forata ma per un utilizzo domestico sono quasi impercettibili.

Un ulteriore dettaglio che distingue una pietra da un’altra, riguarda la presenza di bordi lungo tutto il perimetro. Questi si possono definire come una sorta di extra e hanno il compito di agevolarti quando dovrai afferrare la pietra per introdurla o estrarla dal forno. Stiamo comunque parlando di un fattore non indispensabile ma che potrebbe tornare comodo in determinate situazioni.

4. Porosità, temperatura e accessori

Grazie a tutti i fattori che abbiamo visto a inizio guida, una pietra molto porosa garantisce ottimi risultati con qualsiasi tipo di cibo lievitato, oltre la pizza potrai cucinare anche dell’ottimo pane e focacce. Una pietra porosa si sporca però più facilmente e quasi mai riuscirai a togliere le macchie derivanti dall’umidità dell’impasto o dalla colatura di mozzarella e condimenti vari. Sia chiaro, si tratta di un fattore puramente estetico, infatti questa sorta di residui non incidono minimamente sulle prestazioni della lastra in fase di cottura.

Come già visto in precedenza, le pietre refrattarie per pizza da utilizzare nei forni elettrici o a legna rimangono intatte fino a una temperatura di circa 900 gradi. Quindi puoi stare più che tranquillo, è praticamente impossibile raggiungere una temperatura del genere con un forno da cucina. E per quanto riguarda gli accessori? in molte occasioni la pietra viene fornite completa di accessori molto interessati, come i ricettari o piccole pale per infornare la pizza.

Pietre refrattarie per pizza e forno più vendute

In OffertaBestseller No. 2
In OffertaBestseller No. 3
Bestseller No. 4
In OffertaBestseller No. 6
In OffertaBestseller No. 9
G3 Ferrari G10032 Pizzeria Snack Napoletana, Forno...
G3 Ferrari G10032 Pizzeria Snack Napoletana, Forno...
Termostato regolabile (400°C max); Timer 5 minuti; 2 piatti in pietra refrattaria (ø 31 cm)
164,50 EUR −40,03 EUR 124,47 EUR

Lascia un commento